SLC/CCC/CSS

Europa Cup 2015 - San Marino

IFPF
La delegazione svizzera.

Classifica

IFPF

La Svizzera ha vinto per la terza volta la Coppa Europa per cani segugi a San Marino con la lucernese Eika-Weisshorn di 11 anni. La cagna, nata nel 2005, appartiene a Walter Jäger, di Domat Ems GR. Le nostre congratulazioni sono rivolte al conduttore e alla sua straordinaria cagna. Questa edizione della Coppa Europa è stata caratterizzata dalla presenza di un forte vento e dal tempo bello ma freddo di primavera. Occorreva possedere dei cani con forte esperienza per scovare e cacciare la lepre. La neve era ancora vicina, poiché il mercoledì ha ancora nevicato in città e la neve era ancora presente ai bordi delle strade.

San Marino è una bella città situata a circa 700 m.s.m. Ha un centro storico ammirevole. È la più piccola e la più antica Repubblica d’Europa con un centro commerciale grande e della gente molto simpatica. Noi tutti abbiamo pensato che essendo nelle immediate vicinanze di Rimini, avremmo trovato del tempo primaverile, ma al mattino la temperatura era di soli circa tre gradi. Ancora una volta abbiamo visto una partecipazione molto buona con 4 mute di cani italiani e francesi e di 16 cani singoli provenienti dalla Croazia, dalla Finlandia, dalla Norvegia, dalla Svezia, dalla Germania, da San marino, dal Montenegro e dalla Svizzera. Quest’ultima con due cagne.

Le prove con l’impiego delle mute hanno visto il successo di una meta francese.

Nella categoria del singolo, causa il forte vento, i cani hanno dovuto faticare molto per andare a scovare la lepre e per poi cacciarla. Se la presenza della lepre era buona, quella dei caprioli molto di più abbondanti, in quanto a San Marino questi non sono cacciati. Alcuni cani hanno cacciato il capriolo e conseguentemente sono stati squalificati. L’organizzazione della manifestazione a San Marino ha ben funzionato con l’aiuto dell’Italia che ha messo a disposizione quale capo delle prove Giovanni Brumana con il suo team di San Marino che hanno messo a disposizione per i cani concorrenti dei territori ben delimitati. I giudici internazionali e nazionali e i responsabili dei territori erano competenti e a conoscenza del territorio, le zone designate per le prove erano abbastanza grandi. “Un grazie a tutti e per tutto”.

Per terminare, vorrei ringraziare calorosamente lo sponsor “REPOWER” M. Paolo Raselli di Poschiavo, per il suo contributo all’acquisto dei vestiti per la delegazione svizzera. Mille grazie!

A nome del CSS, dico anche grazie ai colleghi giudici e ai conducenti dei cani che hanno contribuito al grande successo di questo evento. Spero che ci rivedremo di nuovo all’anno prossimo, in autunno, in Croazia.

Vi saluto tutti

Manfred Pircher, vice-presidente della commissione FCI, rappresentante per la Svizzera
(trad. P. Poretti)